Image Alt

Sicily on Horseback

Cesarò: comune incastonato fra le bellezze della Sicilia

Cesarò: comune incastonato fra le bellezze della Sicilia

Immerso nel Parco dei Nebrodi, davanti all’Etna, ed incastonato fra le bellezze della Sicilia, si trova il comune di Cesarò; è un comune di 2.178 abitanti della città metropolitana di Messina.
In esso ricade il tratto più suggestivo della dorsale dei Nebrodi, quello comprendente la vetta più alta della catena, Monte Soro, e i laghi Biviere e Maulazzo.

La grande distanza che lo separa dai principali capoluoghi (70 km da Catania, 115 km da Messina, 130 km da Palermo), fa di Cesarò uno dei comuni più remoti e isolati della provincia di Messina; se questo isolamento può risultare problematico per la popolazione nei mesi più freddi, in estate la serenità di questo paese è certamente un motivo di notevole sollazzo, dato anche il clima temperato e la frescura data dai boschi.

Cosa visitare?

La maggior parte delle visite dei turisti si concentrano nell’unico grande edificio realmente rappresentativo, Palazzo Zito, dove per lungo tempo dimorò l’omonima famiglia e in cui oggi si trova una curatissima casa museo custode di arredi, affreschi e opere d’arte rigorosamente originali, il tutto restaurato nel 2019.

Il Palazzo è costituito da tre piani, ma l’apice della sua bellezza consiste nella Sala Rossa, in cui vi sono delle impressionanti volte dipinte con scene di caccia e di vita quotidiana. Vi è poi anche la sala verde con affreschi che ritraggono scene di vita campestre.

Da visitare vi è anche, sull’elevato sperone della Rocca Giannina, il Castello Colonna, antica sede del duca Colonna e dei suoi amministratori, e le riserve naturali di Biviere e Maulazzo.
Da non dimenticare comunque, che il borgo riflette la tradizione devozionale della Sicilia, da sempre avvezza del culto religioso.

Ecco allora elevarsi la quattrocentesca Chiesa Madre della Madonna Assunta, la chiesa di San Calogero, patrono di Cesarò, e le altre chiese rispettivamente intitolate a San’Antonio da Padova, alla madonna delle tre grazie e alla Madonna del Rosario.

Le festività

A Cesarò si tiene ogni anno nel mese di Ottobre la celebre Sagra del suino nero e del fungo porcino dei Nebrodi, un tripudio di festa e sapori che richiama migliaia di turisti. Altri prodotti tipici del posto sono anche i maccheroni freschi, carne di maiale, ricotta salata e carne alla grigia aromatizzata. Il paradiso dei bambini sono invece i dolci a base di frutta secca: molto utilizzati mandorle e pistacchi, in buona parte provenienti dalla confinante Bronte.

Per info

Procedi sulla pagina contatti per inviarci un messaggio.

Oppure chiamaci al:

x
Open chat